7 cose da fare a Venezia

Mi sono innamorata di Venezia nel 2012, appena uscita dalla stazione.
Ricordo ancora il momento: è stato amore a prima vista, e non è più passato.
Sarà a causa delle calli strette strette, o per le auto “bandite” dal centro della città.
O, ancora, per l’architettura unica al mondo, o per l’acqua che rende tutto ovattato, magico, senza tempo.
Sono tornata nella Serenissima dopo cinque anni, e mi è mancata l’aria esattamente come la prima volta.
Ci sono infinite cose da fare a Venezia per innamorarsene perdutamente, io vi racconto le mie sette preferite.

cose da fare a Venezia

7 cose da fare a Venezia

7 cose da fare a Venezia

7 cose da fare a Venezia

7 cose da fare a Venezia

7 cose da fare a Venezia: Cannaregio

Guardare il tramonto dal Ponte di Rialto

Venezia è una delle città più romantiche al mondo e cosa c’è di meglio che guardare un tramonto dal ponte più famoso della città, magari in compagnia della persona amata?
Non mi fraintendete, ogni angolo di Venezia è romantico e incantevole, ma il Ponte di Rialto ne è l’emblema.
Il sole che va giù, le nuvole che si tingono di rosa e si riflettono nelle acque del Canal Grande, i colori magici.
E’ ovviamente affollatissimo, ma con un po’ di pazienza troverete un posto per godervi lo spettacolo.

7 cose da fare a Venezia: Ponte di Rialto

7 cose da fare a Venezia: Ponte di Rialto

7 cose da fare a Venezia: Ponte di Rialto

7 cose da fare a Venezia: Ponte di Rialto

Girare tra gatti e libri alla Libreria Acqua Alta

Tra le cose da fare a Venezia, non potete perdervi la Libreria Acqua Alta, una delle più belle al mondo.
Un luogo unico: gli scaffali sono gondole, i gradini delle scale sono fatti da libri ormai rovinati.
La libreria è stata aperta circa 10 anni fa e vende, per lo più, libri su Venezia e la sua storia.
E’ un luogo così carino, che alcuni gatti lo scelgono per farsi passeggiate tra i libri.
L’ingresso è gratuito.

7 cose da fare a Venezia: Libreria Acqua Alta

7 cose da fare a Venezia: Libreria Acqua Alta

7 cose da fare a Venezia: Libreria Acqua Alta

7 cose da fare a Venezia: Libreria Acqua Alta

Guardare San Marco come un condannato a morte

Non c’è certo bisogno che sia io a dirvelo, ma Piazza San Marco è imperdibile.
Quindi vi suggerisco un modo di vedere la piazza un po’ diverso dal solito.
Innanzitutto, lo sapete che lo splendido Palazzo Ducale era una prigione?
Inoltre, se ci fate caso, vedete che solo due colonne del Palazzo non sono bianche come le altre, ma rosa.
E’ il punto da cui, in passato, il doge proclamava la sentenza di condanna a morte. E il condannato se ne stava sotto, in mezzo a una delle piazze più belle del mondo, con lo sguardo rivolto verso la torre dell’orologio, che segnava l’ora esatta della sua morte.
E il Ponte dei Sospiri? Si chiama così perché era l’ultima cosa che i prigionieri vedevano prima della reclusione.

7 cose da fare a Venezia: collonne rosa Palazzo Ducale

7 cose da fare a Venezia: Piazza San Marco

7 cose da fare a Venezia: Piazza San Marco

7 cose da fare a Venezia: Piazza San Marco

7 cose da fare a Venezia: Ponte dei Sospiri

7 cose da fare a Venezia: Piazza San Marco

Il tour delle osterie

Dove si mangia a Venezia? Nelle osterie tipiche, i cosiddetti bacari.
Un’esperienza godereccia e tipica è quella di girare per le osterie della città, e fare una sorta di aperitivo o spuntino: un spritz veneziano (col Select al posto dell’Aperol), qualche cicheto, quindi mini-crocchette, o mini-tramezzini, o mini-frittini, insomma piccoli assaggi di cose pensate per stuzzicare!
Io ho adorato mangiare così, mi ha ricordato un po’ le tapas spagnole.
Tra i locali che ho preferito ci sono Ae Forcoe e Do Colonne, rispettivamente in zona San Marco e Cannaregio.

7 cose da fare a Venezia: osterie

7 cose da fare a Venezia: osterie

7 cose da fare a Venezia: osterie

7 cose da fare a Venezia: osterie

7 cose da fare a Venezia: osterie

Scoprire un pezzo di storia al Ghetto Ebraico

La parola ghetto – che oggi indica un luogo di segregazione – ha origine proprio a Venezia nel sedicesimo secolo. Nel Cinquecento, infatti, l’antisemitismo era molto forte e il doge decise di confinare gli ebrei nella zona della fonderia (in veneziano era chiamata getto), un quartiere abbastanza isolato dal resto della città e recintato durante la notte.
Oggi il Ghetto è un quartiere tranquillo (io l’ho visitato durante il Carnevale, quando Venezia era un delirio), che sembra ancora una sorta di città a sé stante, con le sue sinagoghe e i suoi palazzi alti e stretti, inusuali per la Serenissima. Tra le cose da fare a Venezia, certamente il Ghetto non è la più famosa, ma io ve lo consiglio, specie se siete già stati in città e volete scoprire angoli meno noti ai turisti.

7 cose da fare a Venezia: Ghetto Ebraico

7 cose da fare a Venezia: Ghetto Ebraico

7 cose da fare a Venezia: Ghetto Ebraico

7 cose da fare a Venezia: Ghetto Ebraico

Vedere il panorama dal Fondaco dei Tedeschi

Il Fondaco dei Tedeschi è un altro esempio di ghetto dato che, nel XVI secolo, questo edificio era usato per rinchiudere di notte i mercanti europei, dando in questo modo tranquillità ai veneziani.
Oggi il Fondaco è un edificio di lusso, dove recentemente sono stati aperti negozi e caffetterie; niente di speciale, a meno che non siate patiti delle griffe.
Quello che vi consiglio è di salire fino all’ultimo piano e godervi un magnifico panorama di Venezia.
Per ora la visita è gratis, quindi vi consiglio di approfittarne, anche se – soprattutto nel week end -va prenotata.

7 cose da fare a Venezia: Fondaco dei Tedeschi

7 cose da fare a Venezia: Fondaco dei Tedeschi

7 cose da fare a Venezia: Fondaco dei Tedeschi

Passeggiare per i ponti

Famosi e sconosciuti, grandi e piccolissimi, storici o recenti in pietra, in legno e in vetro.
I ponti di Venezia sono ovviamente tantissimi, e ognuno di loro offre uno scorcio da cartolina.
Venezia è vanitosa all’inverosimile e anche se i ponti sono nati per esigenze pratiche, finiscono invece per diventare l’ennesimo abbellimento di una città già incantevole.

cose da fare a Venezia: ponti

7 cose da fare a Venezia: ponti

7 cose da fare a Venezia: ponti

 

Share:

9 Comments

  1. 30 marzo 2017 / 10:58

    Ci sono stata un paio di volte con gite organizzate, e forse ero troppo piccola per poterla apprezzare veramente.
    Spero di poterci tornare presto, sono sicura che la guarderei con altri occhi!

    • 30 marzo 2017 / 11:56

      Credo anche io, è una cittá bellissima, azzardo anche che secondo me è la più bella d’Italia! ❤

  2. 30 marzo 2017 / 20:49

    Perdermi attraverso le stradine partendo da Piazzale Roma è stato ció che ho preferito durante il mio viaggio un anno fa.
    Mai vista così tanta unicità in una cittadina!
    Capolavoro Venezia, capolavoro. 🙂

    • 31 marzo 2017 / 10:24

      Anche io, mi sono girata tutta la zona dell’Accademia, bellissima!
      Una delle mie città preferite al mondo 🙂

      Grazie di essere passato

  3. 31 marzo 2017 / 10:23

    Non una, ma almeno 100 volte nella vita. Venezia è uno dei diamanti italiani, forse tra quelli che luccicano di più. Ieri ho tremato quando ho sentito che il Rialto è stato in pericolo.

    • 31 marzo 2017 / 10:25

      Anche io, non oso nemmeno immaginare a cosa sarebbe potuto succedere.

      Secondo me è una delle città più belle del mondo, ci tornerei all’infinito 🙂

      Grazie di essere passata.

  4. 6 aprile 2017 / 6:04

    Che bella Venezia, anche io ne rimango rapita ogni volta! Hai parlato di tante cose curiose e interessanti, alcune non le conoscevo. In questi momento, però, non vedrei l’ora di andare per bacari!! 😀

    • 6 aprile 2017 / 8:19

      Ahahaha immagino, dopo un anno di cucina neozelandese!
      Comunque io l’ultima volta ho provato lo Spritz col Select ed è troooooppo buono

Rispondi