La mia esperienza con Airbnb (e una sorpresa per voi!)

Airbnb per me è stata una di quelle cose che conoscevo ma che, per pigrizia mentale, non ho mai voluto provare.
Poi ho prenotato un viaggio con circa due settimane di anticipo, per di più a Londra, dove anche l’alloggio peggiore aveva prezzi troppo alti per le mie tasche. Quindi la decisione era tra spendere un patrimonio per un hotel scadente e decentrato, oppure provare Airbnb per la prima volta.
La decisione è stata piuttosto semplice ed ho finito per trovare a stanza piuttosto economico praticamente davanti a Covent Garden. E niente, la mia esperienza con Airbnb è stata così positiva che, da quel momento, ho sempre e solo prenotato sul loro sito.
Vi racconto un po’ in cosa consiste.

La mia esperienza con Airbnb

La mia esperienza con Airbnb: come funziona

Airbnb è un portale tipo Booking dove, selezionando una città e una data di partenza, vi vengono presentate varie soluzioni: potrete infatti scegliere tra un’intera casa, una stanza privata, oppure una camera condivisa, tra alloggi tradizionali o particolarissimi. Vi basterà fare un giro sulla loro homepage per vedere quanto vasta sia la scelta degli alloggi che offrono: oltre ai normali appartamenti, potrete optare per case sull’albero, houseboats, ville private con piscina, igloo e chi più ne ha più ne metta.

Quello che dovete sapere è che, su Airbnb, a differenza di Booking o servizi simili, troverete le case di qualcuno, non alberghi. E’ questo il loro vero vantaggio, secondo me: non più la solita, il più delle volte impersonale, camera d’albergo, ma un posto che qualcuno ha scelto ed arredato per viverci egli stesso.
Stando in casa vi imbatterete nei suoi cd, potrete curiosare tra i suoi libri, capire cose di loro, viverci per qualche giorno.
Non so come spiegarlo, ma secondo me vivere insieme a dei local arricchisce di molto l’esperienza di viaggio, specialmente per chi parte da sola.
Viaggiare con Airbnb è far due chiacchiere sulla città con chi la vive ogni giorno, è il consiglio sul ristorante buonissimo e che alltrimenti non avreste mai scoperto, è la bottiglia di birra offerta in Norvegia “perché qui dopo le 20 non si puo’ comprare ed è la tua ultima sera”, è guardare la nuova puntata della tua serie preferita insieme all’host.

www.airbnb.it/c/elisaa1181

Quindi, ricapitolando ecco quali sono i vantaggi di Airbnb secondo me:

  • Risparmio: il più delle volte, spenderete molto meno rispetto ad optare per un hotel. Vi dico solo che, in una settimana nella carissima Norvegia, non ho mai speso più di 70€ a notte, per appartamenti molto centrali. Non sto nemmeno a dirvi quanto costavano gli hotel;
  • Vita coi local: quello che dicevo prima. quindi il fatto di sentirsi un po’ local anche voi, in alcuni posti ho avuto l’impressione di essere a casa;
  • Una casa a disposizione al prezzo di una stanza: perché appunto potrete cucinare (risparmiando anche sul cibo), o passare la serata sul divano a guardare Netflix, o trovare in frigorifero qualcosa anche per voi, che non pagherete un occhio della testa come succede in hotel;
  • Recensioni: tutto il funzionamento di Airbnb è basato sulle recensioni, quindi sia voi che l’host sarete motivati a comportarvi al meglio. L’aspetto che preferisco, e quello che garantisce l’obiettività, è che potrete leggere la recensione su di voi, soltanto dopo avere scritto la vostra;
  • Prezzi rimborsabili: l’opzione “cancellazione gratuita” di Booking non esiste, perché dovrete pagare tutto in anticipo, però alcune camere hanno prezzi rimborsabili fino a 24 ore prima della partenza.

La mia esperienza con Airbnb

La mia esperienza con Airbnb

E ora una piccola sorpresa per voi..

Se non siete iscritti, potrete farlo cliccando qui e otterrete uno sconto di 25€ sulla vostra prossima prenotazione, che dovrà essere almeno di 65€.
Una volta iscritti potrete condividere con i vostri amici un link come quello che ho appena postato e, se il vostro amico prenoterà un alloggio grazie al vostro link, anvhe voi otterrete un piccolo sconto.

 

 

 

 

Follow:

3 Comments

  1. 8 novembre 2017 / 15:49

    Io l’ho provato a Barcellona perché eravamo in quattro e ci è sembrata la soluzione migliore. Ci siamo trovati benissimo perché oltre ai costi più bassi rispetto a un hotel, abbiamo trovato una casa centrale, pulita e fighissima.
    A Londra non ho ancora provato ma ci faccio un pensiero ❤️

    • 8 novembre 2017 / 17:52

      Io a Londra ho trovato una casa bellissima, adoro Airbnb ❤️

  2. 8 novembre 2017 / 22:35

    Airbnb è sempre stata la mia salvezza in quelle città dove i prezzi sono proibitivi. Ho vissuto in case bellissime sia a Milano che ad Amalfi e ora ho perfino iniziato ad ospitare nel mio appartamento. Un’esperienza interessantissima!

Rispondi